SPALLA CONGELATA: NON TUTTI I DOLORI DI SPALLA SONO UGALI

Moltissimi pazienti si presentano per dolori a livello della spalla tendenzialmente con limitazione nell’esecuzione dei movimenti e accentuata dolorabilità durante le ore notturne. Questo poiché la spalla è una delle articolazioni più mobili presenti nel corpo umano e precocemente va incontro ad usura. È bene sapere che non tutte le problematiche di spalla sono uguali e vanno inquadrate e gestite correttamente.

In questo articolo affronteremo i problemi riguardanti la spalla congelata.

COME SI PRESENTA IL PAZIENTE CON SPALLA CONGELATA:

Il paziente con spalla congelata si presenta tendenzialmente con il braccio addotto lungo il fianco e ruotato internamente, può avere anche una perdita di tono muscolare a livello del deltoide per il non uso. Alla palpazione clinica da parte dello specialista il paziente riporterà dolorabilità generalizzata a tutta la spalla e posteriormente a livello dei trapezi.

Inoltre, il soggetto non riuscirà a muovere il braccio, in particolare risulteranno impossibilitati i movimenti di flessione (esempio: portare un oggetto su di una mensola posta ad altezza occhi o oltre) e di rotazione esterna (possiamo immaginare il gesto di pettinarsi i capelli). Ed è proprio la mancanza di rotazione esterna che fa propendere il clinico a porre diagnosi di spalla congelata e a differenziarla con altri dolori tipici di questa regione anatomica come: problematiche a livello della cuffia dei rotatori o calcificazioni.

LE TRE FASI DELLA SPALLA CONGELATA:

questa problematica è caratterizzata da tre fasi:

1) fase di congelamento: 10-36 settimane. Il paziente si presenta con dolore e rigidità nella zona della spalla senza traumi apparenti. Il dolore è costante, peggiora la notte e ha poca risposta ai farmaci. È importante eseguire una tempestiva fisioterapia per poter migliorare la sintomatologia e per cercare di recuperare i movimenti.

2) fase adesiva: si verifica intorno ai 4-12 mesi. Il paziente riporta meno dolore, ma permane rigidità e impossibilità nell’eseguire i movimenti in particolare nella rotazione esterna. È importante eseguire una corretta riabilitazione al fine di recuperare le funzionalità perse.

3) fase di risoluzione: richiede dai 12-42 mesi. Grazie alla fisioterapia e alla terapia farmacologica arriviamo nella fase della risoluzione in cui gradualmente il dolore migliora e la limitazione di movimenti inizia a risolversi.

COME VA TRATTATA?

spalla congelata - clinica massarenti

È importante una valutazione tempestiva della sintomatologia da parte degli specialisti (medico ortopedico o fisioterapista) in modo tale da poter procedere tempestivamente al recupero dei movimenti e alla limitazione del dolore.

Il dolore di spalla non deve essere temuto, ma inquadrato e riabilitato. E ricorda: anche se il dolore insorge in un breve lasso di tempo il recupero è lento e graduale, non avere fretta di muovere la spalla e affidati ad una corretta riabilitazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *